Si ringrazia l’on.Michela Rostan per la disponibilità e la sensibilità dimostrata verso i gestori di awp nel presentare una mozione al governo

 

Le richieste che Agcai presenterà sono le seguenti:

 

  • Dare la possibilità ai gestori di essere liberi di poter cambiare concessionario nel caso in cui una delle parti volesse recedere dal contratto in essere. Il tutto mediante il ritorno ad Adm del titolo autorizzatorio in caso di dismissione, e che quindi il nulla osta dismesso non venga trattenuto dal concessionario per trenta giorni nel corso dei quali puo’ approfittarne per farlo proprio o per distribuirlo ad aziende a lui vicine.

 

  • Le nuove awpr dovrebbero essere un apparecchio meno pericoloso, questo mediante l’aumento della percentuale di restituzione che dovrà essere variabile da un minimo di 85 ad un massimo di 90 per cento e con introduzioni di ulteriori elementi di intrattenimento abilità e divertimento. Obiettivo: costo orario simile ad un normale flipper.
  • La tassazione sia effettuata sul margine lordo così come avviene nel settore scommesse e on line, con una percentuale che non superi il 25 per cento (come nell’on line). La tassazione sul margine deve essere estesa anche sulle vlt con una percentuale maggiore, che dovrebbe essere minino 60 per cento visto l’altissimo utile che realizzano.

 

  • Le awp non vengano inserite in un bando con gara all’asta, in quanto le awp non devono essere considerate gioco d’azzardo. Si dovrebbe optare per il pagamento di un importo fisso ad ogni richiesta del titolo autorizzatorio.

 

  • Ritornare al contigentamento del 2004 abolendo quello del Luglio 2011.  Il contigentamento del 2004 prevedeva il dimezzamento del numero massimo di apparecchi da collocare nei locali pubblici (da max 8 a max 4 ).

 

  • La diversificazione e separazione dell’offerta di gioco, e non la sua concentrazione in un solo punto, ovvero: le awp solo nei locali pubblici, nelle salette di intrattenimento e divertimento insieme a flipper e biliardino, e nei circoli privati licenza art.86.   Le vlt, se non saranno totalmente vietate, almeno siano collocate solo in sale dedicate licenza art.88  e comunque mai insieme alle awp per non portare in confusione il giocatore.
  • Le vlt sono state autorizzate in percentuale del 14 per cento delle awp esistenti, per cui se le awp dovranno essere 200 mila, il numero massimo di vlt da autorizzare dovrebbe essere 28 mila e non 50 mila (ricordiamo la loro pericolosità 10 volte maggiore ad una awp).

 

Queste sono  tutte proposte realizzabili a tutela del giocatore. I gestori di awp Agcai, insieme all’associazione Agge Sardegna (da non confondere con i gestori dei giochi di stato di Sapar ed Astro) sono per il gioco di intrattenimento e divertimento e condannano fermamente le riduzioni del pay out che impoveriscono i giocatori portandoli alla disperazione, a rivolgersi agli usurai, a rovinare la serenità familiare e a compiere anche atti estremi.

0 Likes
223 Views

You may also like

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter message.