“Nella fase di attuazione del procedimento di riduzione delle macchine AWP, come disciplinato dal D.M. 25 luglio 2017, il Concessionario – scrive in una nota AGCAI – non ha facoltà di imporre al Gestore le modalità attraverso cui addivenire alla scelta delle macchine da rottamare”.

 

“Il disposto normativo predetto – continua la nota – affida ad entrambe le parti interessate, Concessionario e Gestore, l’onere di concordare i criteri di riduzione da adottare in sede di scelta delle macchine. In altri termini il Legislatore ha inteso, in siffatto modo, salvaguardare l’autonomia privata e quindi l’iniziativa imprenditoriale anche del Gestore al quale deve essere assicurata una forza decisionale pari a quella del Concessionario.

Tanto è dovuto affinché la riduzione possa basarsi su scelta ponderata ed equa che tenga conto anche delle esigenze finanziarie ed economiche dei Gestori. Per cui sia per la risoluzione dei contratti che per il pagamento della legge di Stabilita, che alcuni concessionari stanno pretendendo, la nostra associazione consiglia a tutti gli operatori di mettersi in contatto con le proprie associazioni.

La nostra associazione con l’ausilio dell’ Avv. Massimiliano Ariano ha inoltre preparato un memorandum che verrà inviato al Garante per la Concorrenza”.

0 Likes
117 Views

You may also like

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter message.