“Appello a sindaci e governatori: fermate questa riforma in conferenza unificata. Sarà la rovina di migliaia di famiglie con l’apertura di altre 5000 sale scommesse”. Così in una nota Agcai.

“Questo governo, ormai è chiaro a tutti, fa esclusivamente gli interessi delle lobby del gioco d’azzardo. L’obiettivo di costoro e di far confluire tutti i giocatori nelle sale per farli giocare non alle awp ma con le vlt, dove l’incasso orario è 10 volte maggiore che in una semplice awp.

Per cui togliendo le awp dai bar e aprendo 5000 altre sale scommesse come previsto nella legge di stabilità per il 2016, tutto il gioco si sposterebbe nelle sale, le perdite dei giocatori salirebbero vertiginosamente rovinando in pochissimo tempo loro e le loro famiglie. Il governo invece di effettuare la riduzione del 30 per cento anche delle vlt, non solo non le riduce ma le vuole distribuire in modo capillare su tutto il territorio aprendo nuovi 5000 super casino. E si, si tratta proprio di aprire 5000 nuovi super casino oltre a quelli già esistenti in quanto queste infernali macchine che stanno invadendo l’Italia dal 2011 sono macchine che non si trovano in nessuna parte del mondo in numero così copioso. Solo in Italia – prosegue Agcai – c’è questa situazione insostenibile con ben 54000 macchine che raccolgono oggi tanto quanto le 400mila awp distribuite nei locali pubblici. Sono apparecchi che andrebbero vietati per il bene dei giocatori e invece il governo vuole qualificare e incentivare i punti di gioco con vlt.

Le proposte più importanti che la nostra associazione ha consegnato al sottosegretario Baretta insieme alle altre associazioni Sapar e Cni prevedono: la riduzione del 34 per cento delle awp da bar ma anche il 30 per cento delle vlt visto che sono state autorizzate in percentuale del 14 per cento delle awp esistenti nel 2009; il ritorno al vecchio contingentamento che prevedeva un massimo di quattro awp nei bar anziché otto come oggi ma non la loro eliminazione; la sostituzione delle awp di oggi con una awp da remoto più di intrattenimento con una perdita oraria minore a quella di oggi.

Ricordiamo che le awp sono state concepite per i locali pubblici affinché combattessero l’illegalità presente e molto diffusa dei videopoker e non per i super casino affinché coprissero le infernali vlt. Non bisogna fare di tutta l’erba un fascio. Una cosa è un apparecchio che fa perdere migliaia di euro in un’ora, tutt’altro e far perdere qualche decina di euro all’ora. Bisogna ridurre, distinguere e separare le due tipologie di gioco non unirle. Le vlt nelle sale dedicate, le awp nei locali pubblici e far capire al giocatore quali sono le macchine dove può rovinarsi. Un giocatore non deve essere indotto ad andare in una sala dedicata, pensare di giocare ad una awp e invece si ritrova a giocare ad una vlt.

Ecco l’obiettivo delle lobby dell’azzardo è proprio questo. Aumentare i propri incassi dirottando tutto il gioco alle vlt. Sara la fine del gioco di intrattenimento in Italia e l’inizio di un grande casinò a cielo aperto in ogni angolo di strada. I sindaci e i governatori – conclude Agcai – saranno complici di questa situazione che sarebbe meglio rispedire al mittente. Nei primi di settembre ci sarà una grande manifestazione, una grande campagna di comunicazione su tv nazionali e su un grande numero di giornali affinché vengano fuori le reali intenzioni del governo. Non vorremmo ritrovarci a manifestare anche contro chi firmerà questa accordo, che inoltre manderebbe a casa 5000 aziende con 200.000 dipendenti che oggi gestiscono il gioco da bar.

0 Likes
24 Views

You may also like

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter message.