“Si va in modo crudele contro la salute pubblica facendo chiudere i punti vendita meno pericolosi come edicole, lavanderie, rifugi alpini, ristoranti, alberghi e circoli privati per aprire invece 5.000 nuove sale scommesse con VLT e arricchire le multinazionali, facendo chiudere migliaia di aziende italiane per spostare tutto il volume d’affari in mano a pochi colossi dell’azzardo”.

Questo denuncia l’associazione AGCAI e chiede:  “Perchè il Governo si ostina a riproporre lo stesso progetto spietato? Perchè togliere tutte le slot dai piccoli esercizi per spingere i giocatori nei casinò presenti ormai ad ogni angolo dell’Italia, dove ci sono apparecchi molto più pericolosi (VLT)?

Non possiamo permettere che l’Italia continui ad essere Governata da questi spietati imprenditori dell’azzardo.

L’effetto voluto da questa proposta è disumano, un’atrocità che solo fortissimi interessi economici possono avere.
In realtà vogliono solo far chiudere 5000 aziende e 150.000 lavoratori, aziende che vengono ripetutamente tassate per portarle lentamente a morire e lasciare spazio alle sale delle multinazionali.
Ecco quindi che togliendo le AWP dai locali pubblici tutto il mercato passa in mano alle multinazionali, che non dovrebbero nemmeno avere limiti di orari o di distanze con l’assurda presa in giro delle “certificazioni di tipo A”.

Perchè questi grandi casino di tipo A non dovrebbero avere limiti orari o di distanze? Riproporre un piano del genere dopo che tutti si sono accorti dell’imbroglio va oltre ogni limite.

Governatori e Sindaci fermate questo progetto criminale! Gli Enti Locali sanno perfettamente quanto sia assurdo agevolare le sale con vlt (che fra l’altro hanno una tassazione bassissima) Il vero problema non sono le “Slottine” nei bar, ma le VLT nelle sale, posti degradati e ghetti dove si annidano varie forme di criminalità.

Rinnoviamo il nostro invito all’On. Baretta ad approfondire pubblicamente queste questioni e visto che non ha trovato il tempo di venire nel convegno organizzato al frentani nonostante abbia scelto lui la data e l’ora ,lo invitiamo anche domani in Piazza Montecitorio magari prima di andare in conferenza Stato Regioni , dove ci sarà la protesta di tutti i gestori e le Associazioni SAPAR, AGGE, ASSOGIOCO-Confesercenti e AGCAI, che mira a far emergere l’incredibile accanimento subito da chi dovrebbe tutelare gli interessi delle aziende che per lo stato lavorano da loro stessi create ,e far sapere a tutti quanto scandalosa sia la politica di questo Governo”.

0 Likes
646 Views

You may also like

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter message.