«Conferenza stampa giovedì con la presentazione da parte dell’on. Michela Rostan della interrogazione alla camera al ministro Di Maio sul perché non riceva i gestori di apparecchi di intrattenimento.

Sempre giovedì, – comunicano dalla associazione AGCAI – dopo il diniego ad incontrarci di giovedì scorso durante il sit in tenutosi da una nostra delegazione al MISE, una nuova richiesta di incontro è stata inviata alla segreteria del ministro Di Maio.

La nostra sensazione è che il Movimento 5 Stelle non stia minimamente interessandosi di legiferare sul riordino del settore e che abbia lasciato tutto nelle mani dei Monopoli che come sappiamo sono fortemente influenzati dai concessionari da sempre, cosi come confermato anche dall’onorevole Massimo Baroni in un convegno a cui la nostra associazione ha preso parte.

Proprio perché è abbastanza notoria questa forte influenza, non si capisce perché il M5S continua a far gestire le fila del gioco publico così come hanno fatto i precedenti governi. Dove sta il Governo del cambiamento? E allora il non ricevere i gestori, è legittimo pensare, che sia frutto di un progetto che parte proprio da alcuni concessionari ai quali anche questo Governo ne è succube. Cambiano i governi ma la musica è sempre la stessa. Con un Governo assente anche di un sottosegretario con delega ai giochi, il progetto è perfetto. Tutto resta nelle mani di alcuni concessionari che continueranno a dettare legge solo ad esclusivo beneficio dei loro prodotti di gioco. Speriamo di sbagliarci e di essere smentiti nei prossimi giorni».

0 Likes
152 Views

You may also like

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter message.