Immagine(Jamma) “Intanto continuano a gonfie vele i preparativi per gli incontri. Il nostro ufficio istituzionale ha riscontrato un grande interesse da parte di tutte le Regioni, molti Governatori, Sindaci, Assessori, Consiglieri e rappresentanti di altre associazioni si sono dimostrati interessati ad approfondire l’argomento e ad instaurare un dialogo costruttivo a tutela della salute dei giocatori” . E’ quanto si legge in un comunicato di AGCAI “Se si vuole tutelare concretamente il giocatore non si può prescindere da una comprensione profonda ed integrale del fenomeno.
Agcai ci tiene ad evidenziare la possibilità di combattere concretamente la ludopatia attraverso un apparecchio che tecnicamente impedisca al giocatore di diventare ludopatico in quanto non permette al giocatore di perdere oltre una certa somma oraria predeterminata, senza quindi che il gioco sconfini nell’azzardo. D’altronde il concetto è molto semplice da capire: per combattere il gioco compulsivo è necessario sostituire tutte le macchine con un apparecchio non solo controllato da remoto, ma sopratutto che non permetta al giocatore di spendere oltre una certa somma oraria da equiparare al costo orario per l’utilizzo di un semplice Flipper. E’ in questo senso, infatti, che il gioco da intrattenimento con piccola vincita in denaro è l’unico strumento efficace per contrastare il gioco d’azzardo patologico: il giocatore deve spendere solo per “giocare” e divertirsi, e non per giocare d’azzardo!

I gestori di apparecchi da intrattenimento sono contro il gioco d’azzardo dove non vi è posto nessun limite alla perdita oraria, come ad esempio accade nelle sale dedicate con Vlt e nei casino on-line dove si possono perdere migliaia di euro in poche ore. Le sale dedicate con Vlt andrebbero anzi segnalate all’entrata come “luoghi d’azzardo”, dove non ci sono limiti a tutela del giocatore compulsivo.
I gestori sono da sempre vicini ai giocatori in quanto operano direttamente sul territorio e si confrontano quotidianamente con i giocatori, per questo motivo sono ben consapevoli dell’importanza di impedire ai giocatori di perdere oltre una certa somma giornaliera, in altre parole di rovinarsi.
Agcai è, inoltre, perfettamente d’accordo sulla previsione di un distanziometro per le sale da gioco e per la limitazione dei loro orari di apertura. Proponiamo, inoltre, una riduzione immediata del 30% delle slot presenti nei locali pubblici e nelle sale, così come previsto dalla Legge di Stabilità 2016.

Ringraziamo fin da oggi i tanti esponenti degli enti locali, governatori, assessori, consiglieri e sindaci che si sono dimostrati disponibili ad ascoltarci e a partecipare agli incontri in programma., nonchè alla disponibilità a partecipare al confronto avuto dal Movimento “Mettiamoci in gioco” e da “Conagga”, il Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d’Azzardo.

Ricordiamo come la presenza e l’impegno degli operatori, gestori ed esercenti, sia di vitale importanza per la migliore riuscita dell’iniziativa, vi esortiamo pertanto a partecipare all’evento a voi più vicino ed anche a coinvolgere quanto più possibile le vostre conoscenze personali, sia politiche che di categoria”.

“VEDO MA NON VEDO, GIOCO MA NON GIOCO
Il gioco da intrattenimento come contrasto alla ludopatia”
Il Talk show con PIPPO FRANCO.

–MONOPOLI (BA) – LUNEDI’ 04 APRILE 2016
Presso Teatro Bianco Manghisi – Largo Cardinale Marzati

–NAPOLI (NA) – MARTEDI’ 05 APRILE 2016
Presso Hotel Romeo – Via Cristoforo Colombo, 45

–MONTESILVANO (PE) – MERCOLEDI’ 06 APRILE 2016
Presso Palazzo Baldoni – Piazza Montanelli».

– FIRENZE – Martedì 12 APRILE
– ROMA – Mercoledì 13 APRILE
– PALERMO – Giovedì 14 APRILE
– UDINE – Martedì 19 APRILE
– VERONA – Mercoledì 20 APRILE
– MILANO – Giovedì 21 APRILE

0 Likes
869 Views

You may also like

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter message.